Programma

Per quattro mesi noi attivisti di Strada Comune abbiamo studiato ed elaborato idee, divise per aree tematiche. Poi siamo andati in assemblea nei quartieri a proporle e ad ascoltare ciò che pensano i cittadini. Quello che segue è il risultato di questo lavoro, bello e costruttivo.

SCOPRI IL PROGRAMMA COMPLETO

Poche chiacchiere e pochi programmoni. Il nostro piano è chiaro: una chiara idea della città del futuro, unita ad azioni concrete e vicine ai cittadini. Il meglio delle competenze e il massimo del coraggio: per restituire Macerata a chi la vive. E cambiare decisamente aria.

Sei Punti Principali

Avviare la Riconversione Ecologica

Strada Comune ha l’ambizione di portare Macerata nel futuro, attraverso una riconversione ecologica che ponga al centro una migliore qualità della vita e un minore impatto sull’ambiente.
Dalle piccole abitudini al potenziamento della raccolta differenziata, dalla rinascita delle aree verdi di quartiere al sostegno delle realtà che producono a Km Zero e senza uso dei pesticidi.

Periferie al Centro

Per anni si è parlato solo del centro storico di Macerata, mentre gli altri quartieri si svuotavano. Ripartire dalle periferie significa mettere al centro i luoghi della vita quotidiana, dare alle frazioni forza e identità, andando oltre la fotografia di una città scollata e senza un disegno omogeneo. In questo senso, dalle periferie e nelle periferie nasce il programma intero di Strada Comune.

Garantire il Diritto all’Abitare

Parlare di diritto all’abitare significa affrontare una ferita della città: i nostri quartieri si stanno sempre più svuotando, privi di attività e luoghi di incontro; dall’altra parte, nella nostra città manca una seria politica di case popolari che garantisca a tutti di avere un tetto sopra la testa; Strada Comune intende rilanciare i quartieri come luoghi di socialità, investendo al tempo stesso su un piano di case popolari.

La nostra Democrazia Municipale

Ripensare la città significa mettere al centro dell’intera proposta di cambiamento una nuova democrazia. Da dieci anni sono scomparse le circoscrizioni, ultima forma di partecipazione per i cittadini alla vita amministrativa della città. Strada Comune immagina una democrazia fondata sui quartieri, con assemblee trimestrali e la responsabilizzazione diffusa dei cittadini che vogliono dedicarsi al bene comune. E poi, un’amministrazione veramente trasparente e aperta, capace di girare ogni mese la città ed essere sempre reperibile, con un sito all’altezza della nostra città.

Ripensare gli Spazi Abbandonati

Dopo anni di costruzione selvaggia, oggi Macerata è la città degli spazi vuoti. Sono stabili comunali, ma anche grandi proprietà private, che vanno recuperate per il bene della collettività, per aprire luoghi sociali e culturali, educativi e commerciali (in base all’area di riferimento). Ex Upim e Catasto, Sasso d’Italia e Rotonda dei Giardini Diaz, Consorzi Agrari nelle frazioni… Da questi luoghi deve rinascere una Macerata che si fonda sull’incontro e la relazione, che torna a vivere i quartieri.

Ripensare la Mobilità Urbana

Strada Comune intende cambiare il modello della mobilità cittadina per ottimizzare gli spostamenti e realizzare un ambiente più salubre e accogliente.
Lavoreremo per garantire a tutti il diritto a muoversi in modo efficace e sicuro, distinguendo tra aree destinate allo scorrimento delle auto e zone dedicate all’incontro tra le persone e lo sviluppo del commercio. Strada Comune ambisce a innovare il sistema del trasporto pubblico per renderlo competitivo ed efficiente.

Newsletter

“Cambiare Aria” si può, insieme.

Ciascuno e ciascuna può dare
un contributo decisivo: candidandosi,
sostenendo economicamente,
facendo volantinaggio o passaparola,
condividendo sui social network
i contenuti.

Compila il form per rimanere
aggiornato riguardo tutte le
prossime iniziative di Strada Comune.