MACERATA È DI CHI LA VIVE

STRADA COMUNE

Siamo tanti, tutti con un unico obiettivo: restituire Macerata a chi la vive perché Macerata è di chi la vive.

Scopri come

AVVIARE LA RICONVERSIONE ECOLOGICA

Strada Comune ha l’ambizione di portare Macerata nel futuro, attraverso una riconversione ecologica che ponga al centro una migliore qualità della vita e un minore impatto sull’ambiente.
Dalle piccole abitudini al potenziamento della raccolta differenziata, dalla rinascita delle aree verdi di quartiere al sostegno delle realtà che producono a Km Zero e senza uso dei pesticidi.

PERIFERIE AL CENTRO

Per anni si è parlato solo del centro storico di Macerata, mentre gli altri quartieri si svuotavano. Ripartire dalle periferie significa mettere al centro i luoghi della vita quotidiana, dare alle frazioni forza e identità, andando oltre la fotografia di una città scollata e senza un disegno omogeneo. In questo senso, dalle periferie e nelle periferie nasce il programma intero di Strada Comune.

GARANTIRE IL DIRITTO ALL’ABITARE

Parlare di diritto all’abitare significa affrontare una ferita della città: i nostri quartieri si stanno sempre più svuotando, privi di attività e luoghi di incontro; dall’altra parte, nella nostra città manca una seria politica di case popolari che garantisca a tutti di avere un tetto sopra la testa; Strada Comune intende rilanciare i quartieri come luoghi di socialità, investendo al tempo stesso su un piano di case popolari.

LA NOSTRA DEMOCRAZIA MUNICIPALE

Per anni si è parlato solo del centro storico di Macerata, mentre gli altri quartieri si svuotavano. Ripartire dalle periferie significa mettere al centro i luoghi della vita quotidiana, dare alle frazioni forza e identità, andando oltre la fotografia di una città scollata e senza un disegno omogeneo. In questo senso, dalle periferie e nelle periferie nasce il programma intero di Strada Comune.

RIPENSARE GLI SPAZI ABBANDONATI

Dopo anni di costruzione selvaggia, oggi Macerata è la città degli spazi vuoti. Sono stabili comunali, ma anche grandi proprietà private, che vanno recuperate per il bene della collettività, per aprire luoghi sociali e culturali, educativi e commerciali (in base all’area di riferimento). Ex Upim e Catasto, Sasso d’Italia e Rotonda dei Giardini Diaz, Consorzi Agrari nelle frazioni… Da questi luoghi deve rinascere una Macerata che si fonda sull’incontro e la relazione, che torna a vivere i quartieri.

RIPENSARE LA MOBILITÀ URBANA

Strada Comune intende cambiare il modello della mobilità cittadina per ottimizzare gli spostamenti e realizzare un ambiente più salubre e accogliente.
Lavoreremo per garantire a tutti il diritto a muoversi in modo efficace e sicuro, distinguendo tra aree destinate allo scorrimento delle auto e zone dedicate all’incontro tra le persone e lo sviluppo del commercio. Strada Comune ambisce a innovare il sistema del trasporto pubblico per renderlo competitivo ed efficiente.

PARLANO DI NOI

SIAMO TANTI

In pochi mesi siamo diventati un gruppo sempre più numeroso e oggi in moltissimi contribuiscono al progetto Strada Comune.

Noi di Strada Comune siamo persone che provengono da diverse realtà, ma tutti accomunati da un unico desiderio: restituire Macerata a chi la vive.

Scopri i volti di ha dato vita al progetto Strada Comune.

LA MACERATA MIGLIORE

SCOPRI LA STORIA DEL PEDIBUS DI SFORZACOSTA

HAI UNA STORIA DA RACCONTARE?

Se anche tu hai una storia da raccontare che riguarda una Macerata migliore, raccontacela.

Macerata è ricca di piccole storie e piccoli gesti che hanno bisogno di essere raccontati e non passare inosservati.